Posta di Sara: il cliente non paga, come mi devo comportare?

Una delle prime domande che può assillare un professionista webdesigner è un cliente insolvente = non paga. Sono sicura che è capitato a tutti.

Allora ho posto per voi un paio di domande a Sara, mia cugina Avvocato, che ha risposto con precisione e serietà. Spero possano essere di aiuto a tutti:

In genere come ci si deve comportare quando un cliente è insolvente? E da quando si può cominciare a definirlo tale?

Quando un cliente non paga, nonostante l’invio della fattura o della notula, lo si mette in mora mediante invio di una lettera raccomandata con avviso di ricevimento nella quale si sollecita il pagamento dell’importo dovuto dando un termine per l’adempimento.
Decorso il temine il cliente (se non paga) è sicuramente insolvente, anche se in molti casi lo è già dal momento in cui non paga entro il termine indicato nella fattura o, se stabilito, nel contratto.

Se anche dopo il vostro sollecito il cliente non dovesse pagare, decorso il termine che gli avete dato, dovete rivolgervi ad un legale. Potete agire in proprio soltanto innanzi al Giudice di Pace per crediti di importo non superiore ad Euro 516,46= ma in tutti gli altri casi potete stare in giudizio solo ed esclusivamente con il patrocinio di un difensore il quale, dopo un’ulteriore lettera di formale intervento rivolta al vostro cliente atta nuovamente a richiedere il pagamento entro un termine dato, in mancanza, si attiverà presso le opportune sedi giudiziarie.

In particolare se sarete muniti della documentazione idonea (contratto, fattura ed estratto notarile dal libro fatture) il Vostro legale potrà in saturare una procedura chiamata “monitoria” che vi consentirà di ottenere un ordine di pagamento da parte del Giudice verso il Vostro debitore. Si tratta di una procedura veloce e poco dispendiosa.

Diversamente, se non siete muniti della suddetta documentazione (per esempio siete in possesso solo di una pro forma) sarà comunque possibile adire il Giudice secondo la procedura ordinaria che prevede, a differenza della prima (che si svolge senza che la Vostra controparte venga chiamata in giudizio), la citazione del vostro debitore innanzi al Giudice designato. Per questo motivo la procedura ordinaria è più lunga e richiede una maggiore attività da parte del vostro legale (con costi superiori!).

E’ utile che, una volta avviata una procedura tramite avvocato, il webdesigner non comunichi direttamente con il cliente insolvente?

Nessuno vieta, anche una volta dato incarico ad un legale, di avere contatti diretti con la controparte. Però, innanzitutto non è corretto nei confronti del vostro avvocato al quale avete conferito l’incarico di rappresentarvi e difendervi, sostituirvi a lui; appare come una mancanza di fiducia nei suoi confronti! In secondo luogo così non evitate certo il compenso che comunque è dovuto al legale per l’attività prestata, anche perché sostituirvi a lui è stata una vostra scelta! Con la differenza che in questo caso l’avvocato chiederà ovviamente il pagamento del compenso a voi e voi non avrete alcuna possibilità di recuperare le suddette spese dal vostro debitore, con il quale avete scelto di trattare personalmente e che ovviamente si rifiuterà di rimborsarvi quanto avete speso per l’assistenza di un legale.

Laura Gargiulo, web designer freelance e blogger.
Autrice di “Come diventare web-coso” e “Consigli di webdesign base“,
moglie dal dicembre 2010 e madre dal dicembre 2012.
Portfolio personale: Lauryn.it
Parlo anche di viaggi ed expat su: Myplaceintheworld.it e do consigli su come espatriare a Edimburgo sul mio blog Lovin’Edinburgh

53 Commenti

  1. Vittorio

    Ottimo articolo, grazie.

    Volevo capire bene un paio di punti, magari nei prossimi articoli mi risponderete.

    Il costo dell’avvocato per recuperare il credito nei confronti di un cliente insolvente è sempre a carico di chi cerca (sempre più spesso disperatamente purtroppo) di recuperare il credito o è possibile richiedere un risarcimento danni?
    Quanto tempo occorre (capisco che è relativo a molti fattori), in media, per ottenere un ordine di pagamento da parte del Giudice verso il debitore?

    Risposta
  2. Lauryn (Autore Post)

    @vittorio: rispondo io per quanto riguarda la prima domanda. il costo dell’avvocato è in teoria a carico di chi fa la richiesta di consulenza, quindi in questo caso il webdesigner, MA essendo in torto il cliente insolvente puoi decidere di fargli pagare per legge gli interessi dalla data di scadenza + le spese dell’avvocato. in genere è tenuto a farlo, ed ecco perchè è sempre lasciare il tutto in mano all’avvocato, perchè in questo modo riesce a recuperare anche la sua parte, altrimenti rischiate che il cliente vi paghi solo in parte, senza interessi e se ne sbatta dell’avvocato.

    I tempi del giudice non li conosco, se non sbaglio mi aveva accennato 30 giorni, ma vi faccio dire direttamente da lei. (intendi la procedura con Ordine di ingiunzione di pagamento vero?)

    Risposta
  3. Lauryn (Autore Post)

    ecco la risposta: in genere dipende sempre dalla mole di lavoro del tribunale.
    Esempio quello di Monza ci mette dai 20 ai 30 gg ma per quello di Milano ci possono volere anche mesi. 😉

    Risposta
  4. davode

    lauryn, ma non le hai ancora fatto un sito? 😛 o sara non l’ha messo nelle referenze? rubrica interessante 😉

    d.

    Risposta
  5. Lauryn (Autore Post)

    ahah no, non ancora, anche perchè lavora presso un altro studio. non appena sarà indipendente lo farò sicuramente (e gratis 😉 )

    Risposta
  6. Vittorio

    @Lauryn
    si mi riferivo proprio a quello.
    grazie

    Risposta
  7. Lauryn (Autore Post)

    comunque per mia esperienza vittorio in genere non ci arrivi neanche all’ingiunzione di pagamento perchè il cliente si caca sotto prima.
    e anche se pure l’ingiunzione partisse, dopo hai comunque la certezza del pagamento, non ci sono caxxi (Scusa il termine) 😀

    Risposta
    1. federico

      dipende….se il cliente è una società, e questa viene chiusa credo che i soldi non li recuperi più…quindi penso sarebbe sempre meglio almeno chiedere un anticipo…

      Risposta
  8. aledesign.it

    Bella rubrica. Il tipo che non mi pagava due anni fa ha fallito..Ora è chiuso. Magra consolazione ahimè. E contro chi sparge “voci strane” sul tuo conto? Che si può fare? Posso chiamare l’avvocato Bazooka 🙂

    Risposta
  9. Lauryn (Autore Post)

    @ale: mandami la domanda via email che la teniamo come prossima domanda per la rubrica 😉

    Risposta
  10. Andrea Leti

    Uno spazio utilissimo quello della posta di sara..

    Ma per una ricevuta di prestazione occasionale non pagata come si procede?

    Risposta
  11. Lauryn (Autore Post)

    stessa cosa…la ricevuta normalmente è a rimessa diretta per cui direi che trascorso un mese, massimo due, puoi già ritenerla insoluta.

    un consiglio: conservate sempre le email con le quali sollecitate i pagamenti. farlo per telefono forse può servire ma se vedete che non pagano avere qualcosa di scritto è una prova. conservtatele ed inviatele all’avvocato.
    talvolta anche solo una raccomandata, come suggerisce Sara, che sia scritta da voi o ancor peggio dall’Avvocato, fa scattare le serrature dei portafogli 😀

    Risposta
  12. iVicio

    Io chiedo il 30% prima di iniziare un lavoro.

    Risposta
  13. Lauryn (Autore Post)

    @iVicio: su questo non ci piove, non muovo neanche un dito senza l’anticipo 😀
    è il resto che spesso rimane sospeso nell’aere terso…

    Risposta
  14. iVicio

    @Lauryn: Se il resto non mi viene versato il lavoro non viene consegnato 😉

    Risposta
  15. Lauryn (Autore Post)

    @iVicio: però l’hai fatto e prima o poi ti dovranno pagare no? 😀 se non emetti fattura in teoria il cliente non è insolvente, in questo caso con la tua tecnica se non funziona rimani senza diritti a pretendere finchè non emetti una fattura 🙂

    Risposta
    1. fabio

      Salve abbiamo acquistato dei macchinari nel 2012 l’importo della fattura e di circa 50.000,00€ e abbiamo pagato unn po’ alla volta come da accordi presi verbalmente oggi dopo 3 anni mi richiedono dinuovo il pagamento della fattura non avendo nessun documento che accerti il pagamento ,come mi devo comportare?

      Risposta
      1. Lauryn (Autore Post)

        Gentile Fabio, le consigliamo di rivolgersi ad un avvocato, la nostra Sara non fa più consulenze online.
        Cordialmente, Laura

  16. Pingback: Il cliente non paga: posso togliere i lavori eseguiti dal suo sito? | Italian webdesign

  17. Andrea Picchi

    da adesso in poi anche io per qualsiasi lavoro, 50% in anticipo e 50% prima della consegna..
    senza saldo niente lavoro online, credo che alla fine sia il metodo migliore.

    Risposta
    1. Lauryn (Autore Post)

      eh già…per un compromesso ragionevole direi che 30+70 può andar bene, nessuno ha mai avuto da ridire, 50+50 forse è troppo…

      Risposta
  18. federico

    …e poi dimenticavo una cosa…magari puoi chiederlo a tua cugina….se si tratta di un lavoro creativo e qualcuno lo utilizza senza averlo saldato credo violi i diritti commerciali della tua opera, a meno che non si sia formalizzato diversamente la cessione dei diritti,…quindi oltre al pagamento della fattura forse si può richiedere un risarcimento per i diritti commerciali violati….???

    Risposta
  19. Veleria Mutti

    qualcuno mi puo aiutare? io ho una fattura da 10.000 euro da pagare solo che non ho i soldi, non ho nulla a nome mio, ho solo il mio lavoro da 900 euro al mese, l’affitto da 450 euro da pagare e una rata da 100 euro al mese! cosa mi puo succedere?

    Risposta
  20. Lauryn (Autore Post)

    cara Valeria, perdona la cinicità ma, questa fattura mica sarà spuntata dal nulla, avrai approvato un preventivo, firmato un contratto…come hai fatto ad approvare una spesa del genere con lo stipendio che hai? ora ti possono pignorare auto e altri beni mobili (la casa non è tua) se non pignorare direttamente lo stipendio. complimenti :S

    Risposta
  21. Roberto

    Interessante, ma come ho anche avuto modo di riportare sul mio Blog purtroppo questa non è sempre la via migliore. Inizialmente procedevo anche io mezzo avvocato, ma i tempi erano lunghi, il credito quasi mai recuperato e i costi dell’avvocato da sostenere comunque. Inoltre le tasse le avevo già pagate. Un avvocato incontrato quasi per caso, invece, mi indirizzò da suo fratello, che di base è un investigatore privato ma con licenza per il recupero crediti.
    La GRANDISSIMA DIFFERENZA sta che innanzitutto nel secondo caso, non paghi direttamente la prestazione, ma SE recuperi il credito, una parte va nella prestazione, altrimenti 0, non spendi nulla!
    Inoltre, l’investigatore nel giro di una settimana è in grado di verificare se il Cliente insolvente ha o meno disponibilità immobiliare o finanziaria che sia, per saldare il debito. Qualora fosse effettivamente nell’incapacità di saldare la somma, non si procede neanche con il decreto ingiuntivo per il recupero, ma si riceve direttamente la famosa “dichiarazione negativa” sul credito inesigibile, che è valida ai fini della deducibilità fiscale, recupero quindi le tasse che ho pagato su quel credito, che non è l’importo che avrei dovuto prendere, ma quanto mento mi evita un esborso basato su qualcosa che non ho ricevuto.

    Inoltre, per chi non volesse proprio perdere tempo (anche se forse è più adatto a grandi aziende), realtà come questa procedono anche con l’acquisto pro soluto del credito. Ossia acquistano il tuo credito a un prezzo molto basso (purtroppo), ma ti risparmiano la trafila di dover aspettare il procedimento, comunque più breve di quello di un avvocato, per il recupero. Su 10.000 euro, per esempio, ne prendo 1000 per l’acquisto del credito, ma ne recupero anche 2000 (esempio proprio inventato) di tasse che altrimenti dovevo pagare.

    Insomma a me è servito tantissimo con un sacco di fatture che mi gravavano fiscalmente e mi ha fatto tirare un sospiro di solievo.

    Spero che tanti altri possano risolvere questo fastidiosissimo problema che in ITalia pare sia sempre più frequente.

    Risposta
  22. Lauryn (Autore Post)

    ciao roberto, grazie del tuo contributo. mi sembra di capire però che non hai comunque recuperato i crediti o sbaglio? ma solo evitato di pagare le tasse su quello che non hai riscosso?
    grazie del chiarimento che vorrai darmi.

    Risposta
  23. Roberto

    Ciao Lauryn, allora io ho contattato questa persona per un totale di 5 fatture.
    Gli importi in fattura erano vari, dai 2000 la più bassa ai 20000 la più alta.

    Quella da 2000 di per se non interessava molto, perchè ovviamente neanche a chi deve poi fare il recupero entra molto da 2000 euro, ma nell’insieme, ovviamente, la cifra era maggiore e si aggirava intorno ai 55.000 euro. Considera che erano tutti siti web e io ero anche nel regime dei minimi, quindi il totale che avrei dovuto pagare, in tasse sarebbe stato di circa 11.000.

    Comuque su 5 fatture 3 le ho recuperate. 1 di queste 3 sono riuscito a recuperarla all’80%. Mentre 2, le più esigue, il cliente aveva nulla su cui rivalersi e ho recuperato le sole tasse.

    Ma per capirci al posto di incassare 55.000 euro ho recuperato più o meno 36000 euro più le tasse che mi sono state scalate, in totale più o meno 42000.

    Con l’avvocato ero ancora fermo alla messa in mora!
    Io penso che la soluzione migliore sia proprio questa, l’accoppiata “avvocato” e “figura con licenza di recupero crediti” perchè nel giro di 1 settimana sai quanto riesci a recuperare, e nel giro di altre 2 settimane hai già tutto, compreso decreto ingiuntivo e nella migliore delle ipotesi hai già un piano di rientro da parte del debitore.

    Comunque di tasca tua, al momento del lavoro, non esce nulla. Sui soldi eventualmente recuperati, invece, una parte vanno a chi ha eseguito la prestazione. Un vantaggio se pensi che quei soldi, comunque, non saresti riuscito ad averli!

    La cosa più soddisfacente, comunque, è sapere che qualcuno (l’investigatore) riesce ad andare a beccare chi non ti ha pagato e magari non risponde neanche più al telefono.

    Risposta
  24. Lauryn (Autore Post)

    ah beh siamo su due pianeti completamente differenti. non ho mai nemmeno fatto una fattura da 2.000 euro in 8 anni e mi punto anche sulle 100 euro non ricevute. sono proprio pianeti differenti e discorsi diversi. ma grazie cmnq per la tua partecipazione, spero possa servire ad altri che si aggirano su quelle cifre 🙂

    Risposta
  25. Roberto

    Be fai sicuramente bene a impuntarti anche per 100 euro, io avevo problemi anche con le prime di questi importi, poi i lavori sono aumentati di importanza le cifre pure ma l’atteggiamento dei Clienti è rimasto lo stesso 😀

    Comunque in bocca al lupo.
    PS: una cosa che facilita di tanto la posizione del WEB designer, comunque, è sempre il progetto esecutivo firmato prima di cominciare il lavoro, dopo però dovrete attenervi a quello. Una volta fatto, con il progetto esecutivo firmato, con il peventivo firmato e la fattura pro forma il recupero lo fa anche l’avvocato a occhi chiusi!

    Risposta
  26. Lauryn (Autore Post)

    certamente! quella è la base da cui partire! contratto, acconto…altrimenti non penso ci siano grandi speranze di recupero: il cliente scappa e basta!
    grazie roberto!

    Risposta
  27. roberta

    io non vorrei smontare tutti i buoni propositi per recuperare i soldi di una fattura emessa, ma sono proprio ora nelle mani di un avvocato con tanto di decreto ingiuntivo per una fattura di un cliente che non ha pagato, si trattava appunto di lavori grafici e web per il suo locale.
    Ha fatto opposizione persino all’email intercorse sostenendo che le ho “create” a doc, e addirittura nonostante i file sorgente dei lavori creati dice di non aver riscontro del lavoro fatto.
    Io ora oltre a dover dimostrare tutto il lavoro fatto, trovare un perito informatico che certifichi la validita’ dell email , comincio a pensare davvero che lo stato non funzioni come dovrebbe.. Cavolo io ho lavorato sono in buona fede e va a finire che ci rimetto per recuperare la mia fattura.
    scusate lo sfogo ..ma purtroppo a quanto pare funziona cosi la realta’. Accetto qualsiasi dritta a riguardo.

    Risposta
    1. Andrea

      Eh si purtroppo quando “Non pagano” non è mai semplice.
      Neanche se si è pienamente dalla parte della ragione.
      Per questo molti lasciano stare già in partenza…
      Lo so il senso di frustamento e impotenza di rattrista molto, ma non abbatterti Roberta!

      (per un supporto tecnico aspettiamo, un tecnico! )

      Risposta
  28. simone70

    salve vorrei delle delucidazioni in merito ad un lavoro svolto a mia sorella . tre mesi fa sono stato chiamato da mia sorella per una perdita di un tubo del suo appartamento allagando l appartamento sottostante, per ritrovare la perdita ho dovuto rompere il pavimento e il muro trovata la perdita aggiustavo il tutto e richiudevo le tracce e ripristinavo con un pavimento nuovo il vecchio per mq 15 fino qua tutto bene arriva il perito e stabilisce che il danno e di 400 euro mentre io ho effettuato dei lavori per 1,500.00 mia sorella nn intende pagare la differenza inquanto l assicurazione ha risarcito il danno con 400 euro premetto che mia sorella e l assicurazione hanno in mano un preventivo di 1,980.00 euro da qui togliere mattonelle e inbiancatura per un totale di 480,00 euro aquistati da mia sorella l assicurazione nn vuole fattura e mia sorella nn vuole pagare il restante come devo comportarmi grazie

    Risposta
    1. Andrea

      o_O Quanto l’hai maltrattata da piccola tua sorella??

      A parte gli scherzi mettiti d’accordo con lei. E dille di provare a chiedere di più all’assicurazione (ammesso che la polizza lo preveda).

      Risposta
  29. Daniele

    Io rimango invece sempre stupefatto di questo paese, ci sono i legali ma quando non ti paga un cliente la merce , devi sborsare altri soldi
    per sentirsi dire , comincio con una lettera poi se non paga vediamo perche se le cose sono intestate alla figlia non so se conviene . Intanto per una lettera legale ci ho smenato altre 150€ oltre ai soldi del valore della merce che non mi ha pagato il cliente. Una persona che promette di pagare piano piano e dopo qualche mese di sollecitazioni ti rassicura che viene e poi non si fa piu vedere e sentire dovrebbe essere visto come un ladro o truffatore e non mi capacito di questa impotenza legale verso chi ha ragione.Ci sara anche qualcuno che per ironia o per consolarti dira e dai ci hai rimesso solo 150€ , ma anche solo 10 € sono importanti senza parlare del periodo che si sta passando , sono soldi propri è bisognerebbe esere tutelati su tutto se no è solo una presa in giro.
    Non è possibile che una persona per riavere ciò che è suo deva penare come se fosse lui in torto è si deve difendere.
    Ma qualcuno con le …. esiste o i bravi legali si vedono solo nei film ?.Forse per questo che è più conveniente pagare la tessera di mediaset premium. Ciao

    Risposta
    1. Andrea

      Purtroppo devo concordare con te Daniele, a volte veramente ti rode enormemente, a parte i soldi, l’impotenza…

      Risposta
  30. Roberto

    Daniele, il problema in realtà è che un legale, in Italia, può fare ben poco! E’ la figura più sbagliata per effettuare un recupero del credito.

    Poi quello che dici è sacrosanto, e in effetti agenzie SERIE che effettuano il recupero non ti chiedono niente, ma trattengono la parcella SOLO dal credito EVENTUALMENTE recuperato, fornendo la documentazione necessaria a portare in detrazione quello che non viene restituito (o la parte trattenuta).

    Il problema è che il legale, deve guadagnare prima di tutto, e quindi anche per scrivere una lettera chiede soli, questo perchè credo che non possa prendere un compenso in percentuale sulla cifra trattata, inoltre il legale non può incassare le somme e poi saldarle al Mandatario, cosa che l’agenzia invece fa.

    Morale della favola, in Italia troppo spesso ci rivolgiamo agli avvocati per fare cose che andrebbero affidate a ben altre figure professionali!

    Risposta
    1. Andrea

      Ottima considerazione questa di Roberto.
      Un consiglio a tutti: meglio rivolgersi alle agenzie di recupero credito così per prima cosa prenderanno un compenso SOLO se viene recuperato il credito e si arrangiano a fare tutto…

      Risposta
  31. Roberto

    Scusa Andrea ma non riesco a capire se il tuo commento è sarcastico o meno.
    Che il Cliente non paghi è chiaro a tutti.
    Che in Italia non ci sia modo di farsi giustizia da soli IDEM.
    Che un’agenzia richieda un pagamento a fronte di visite di persona, chiamate, accertamenti e indagini mi sembra altrettanto chiaro.

    Si può anche chiedere chiaramente, in fase di mandato, che le spese vengano chieste in toto al Debitore che dovrà corrispondere l’intera somma PIU le spese. Questo sta all’intelletto di ognuno, ma non credevo fosse necessario specificarlo!!!
    Inoltre, è vero che la merce non pagata non me la ridà nessuno, ma chiunque ha un’azienda pensa a una percentuale intorno al 60% quando parlo di pressione fiscale, e recuperali non è proprio un premio di consolazione, ma qualcosa di più.

    Tu preferisci il fai da te! Ti auguro tutto il bene possibile!

    Risposta
    1. Andrea

      No Roberto mi hai frainteso!!!
      Nel mio commento non ho utilizzato nessuna smile che facesse pensare al sarcasmo!

      Le cose che ho detto, e che sono il tuo pensiero, le condivido appieno!

      Risposta
  32. Roberto

    Allora ti chiedo scusa per aver frainteso il tuo commento.

    Risposta
  33. lucky

    Salve , ma una ditta spa , per poter dichiarare come credito inesigibile una fattura di modestissimo importo 1500 eruro…ma 500 euro mi sono stati dati dopo un paio di mesi dalla scadenza, basta come prova il decreto ingiuntivo ??

    Risposta
  34. angelo

    chi mi puo aiutare? io non lavoro da parecchio tempo .poi un bel giorno arriva la mia vicina che mi chiededi ristrutturagli la casa e mi dice ,si pero mi fai tutto in nero cosi risparmio,io gli dico va bene ,alla fine 3 mesi di lavoro 10 ore al giorno e non mi ha pagato perche non a soldi ora anno venduto la casa ma dei miai soldi neanche l ombra come posso fare per prendere i soldi che mi spettano?mi dovrebbe dare 5 mila euro grazie a tutti

    Risposta
  35. cara

    ho acquistato la mia prima casa e ho richiesto all’agente immobiliare regolare fattura della sua mediazione , ma a 6 mesi di distanza non ho ancora ricevuto la fattura richiesta posso ancora richiederla? sull’atto notarile però viene chiaramente menzionato questo pagamento!

    Risposta
    1. Lauryn (Autore Post)

      ciao cara, qui trattiamo argomenti relativi al web. questa domanda è più da indirizzare ad un commercialista che ad un avvocato, comunque in generale sì, puoi sempre richiederla, lui per legge deve averla emessa a suo tempo e deve necessariamente fornirla all’intestatario della stessa, se siete voi 🙂

      Risposta
  36. Marina

    Buongiorno Laura,
    volevo porre una domanda, nel caso di un sito web se non si viene pagati (e purtroppo in buona fede viene già messo online) è legale ripristinare la situazione originale eliminando gli sviluppi fatti e non pagati?

    Grazie mille.

    Risposta
    1. Lauryn (Autore Post)

      Ciao Marina,
      purtroppo non si può farlo se non si vuole incorrere in loro denuncia successiva. Tra l’altro potrebbero giocarsela dicendo che tu non hai consegnato un bel niente e quindi trovare un’ulteriore scusa per non pagarti. L’iter legale è quello da seguire, anche se anche io sarei molto tentata…

      Risposta
  37. Marina

    Quello che temevo Laura!
    Insegnamento per la prossima volta, non si può dire altro!

    Cari saluti e grazie mille.

    Risposta
    1. Lauryn (Autore Post)

      prego!

      Risposta
  38. Martina

    Buongiorno laura, non so se faccio ancora in tempo per avere una risposta a questo genere di quesito. In pratica io ho sottoscritto con una società un contratto per l’istallazione dell’impianto di riscaldamento. Ho dato come acconto mille euro. La società nonostante è trascorso un anno non ha mai pagato. Mi sono rivolta ad un legale abbiamo mandato una diffida, ma nulla. E’ stata effettuata mediazione volontaria da parte mia, ma la società non si è presentata. Il mio legale mi ha detto che bisogna agire giudizialmente per la restituzione dei mille euro e la rescissione del contratto. Ma come si può fare? con decreto ingiuntivo? Grazie e buona giornata

    Risposta
    1. Lauryn (Autore Post)

      No Martina, Sara non gestisce più la rubrica. Però se è già in mano ad un avvocato fa prima a chiedere a lui, visto che lo paga per questo, no? 🙂 in bocca al lupo!

      Risposta
  39. Serena

    Buongiorno, non so se è il luogo o la discussione adatta per richiedere un consiglio. Abbiamo venduto a marzo, della merce (circa 400€), che doveva partire in contrassegno, ma per errore nostro è stata consegnata senza richiedere il pagamento al cliente. Nonostante i solleciti e le relative promesse di pagamento, la cliente è poi sparita. Abbiamo proceduto presso le apposite autorità e denunciarla per appropriazione indebita. Tutto tace da allora. Come possiamo agire?
    Grazie

    Risposta
    1. Lauryn (Autore Post)

      Salve Serena, le consiglio di chiedere al suo avvocato,
      un saluto,
      Laura

      Risposta

Lasciaci un tuo commento!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: