Genitori freelance: essere comunque produttivi è possibile?

Te lo chiedi quando la sera vai a dormire sfatta e stanca e percorri mentalmente la giornata: ma ho concluso qualcosa oggi?

Credo che molte mamme ed altrettanti papà freelance si stiano chiedendo se nella giornata appena conclusa siano stati sufficientemente efficaci pur avendo lavorato mmm vediamo….mezz’ora qui, 10 minuti lì, poi ho fatto la lavatrice, ah no poi mi ha chiamata la bimba, poi siamo andate al parchetto…appena tornate ho fatto altri 15 minuti, poi il pranzo, poi un’oretta durante il riposino, poi ho interrotto e…3 ore in tutto?

Per alcuni tipi di lavoro è davvero dura riuscire a completarli entro i termini stabiliti, ma ce la possiamo fare. Io ho imparato da sola il metodo ROAD di cui parla Silvia Ancordi, consulente olistica, ma per chi non ha come me a disposizione una rompip…ehm una dolcissima bimba con bisogno di attenzione :D, c’è l’altrettanto valido metodo del pomodoro, qui spiegato per tutti i freelancer che vogliono migliorare la propria produttività.

In cosa consiste?

stock-illustration-42700468-woman-juggling-work-life-balanceNientemeno che in quello che già state facendo: spezzare il lavoro in tanti micro-compiti o task, distogliendo l’attenzione da quello che state facendo per fare altro ogni tot minuti, come spiegato nelle tecniche di cui sopra. Nel nostro caso i minuti dei task possono variare di molto, così come il tipo di attività, il che non è altro che un bene.

Potrà sembrare un metodo confusionario e da pazzi, in realtà è molto più costruttivo di quanto sembri. Concentrarsi veramente su di un’attività, per poi staccare quando si sente smorzare l’entusiasmo o si cominciano a disperdere le energie, è molto meglio. Provare per credere.

Funziona davvero?

La mia impressione, dopo mesi di attuazione forzata di queste metodologie ha dei pro e dei contro, che vi elenco in ordine sparso e che spesso si autoeliminano l’uno con l’altro:

  1. Si ha sempre l’impressione che i tempi si allunghino: in realtà considerato che avremmo comunque perso (o preso) tempo cazzeggiando su Facebook (per chi non fa il social coso ovviamnete) o andando al frigo a prendere qualcosa da sgranocchiare, etc, risulta molto più efficace che stare 10 ore filate davanti al computer
  2. A fine giornata mi sento meno “rintronata” ed intontita, ma forse più stanca perché faccio anche altro e completo più “task” anche di diverso tipo
  3. Per completare task più lunghi bisogna programmarli ed eseguirli necessariamente nei periodi di tempo in cui sappiamo che non possiamo essere disturbati (il che può voler dire anche di notte!)
  4. Bisogna sempre progettare il giorno prima i task da completare, altrimenti si rischia di vagare alla cieca: quei 15 minuti devono essere produttivi, pertanto non dobbiamo perdere tempo a pensare a cosa dobbiamo fare, ma farlo. Pertanto la programmazione è uno di quei task lunghi che necessitano tranquillità per essere eseguiti, e una buona agenda aiuta in questo caso. Mi sono resa conto di preferire l’agenda cartacea perché mi permette di toccare con mano le cose da fare, salvo poterci scrivere sopra in assenza di nana in circolazione, altrimenti viene presa come ostaggio per pasticciare e finisce l’evento programmatico.
  5. Spesso riesco a completare i task prefissati e riesco a rispettare le scadenze, che ho però dovuto riprogettare con tempi più “larghi” di prima
  6. A volte quando ho tanto tempo a disposizione sento il bisogno di staccare fin troppo presto, talmente mi sono abituata a micro-taskeggiare

Juggling-Mom-by-schlepping3.wordpress.com_Ed ecco che comprendo maggiormente il senso di multitasking: non è fare tante cose tutte insieme, ma è fare UNA  cosa ALLA VOLTA, concentrandoci unicamente su quella, per poi passare ad altro quando non ci sentiamo più produttivi.

In conclusione essere genitori e freelance riduce un po’ la mole di lavoro cui si può far fronte, ma si può essere produttivi comunque (se non si impazzisce prima ahaha)

Che mi dite voi? Genitori e non?

 

Laura Gargiulo, web designer freelance e blogger.
Autrice di “Come diventare web-coso” e “Consigli di webdesign base“,
moglie dal dicembre 2010 e madre dal dicembre 2012.
Portfolio personale: Lauryn.it
Parlo anche di viaggi ed expat su: Myplaceintheworld.it e do consigli su come espatriare a Edimburgo sul mio blog Lovin’Edinburgh

13 Commenti

  1. Edo

    Io credo sia possibile essere genitori e freelance produttivi. Occorre ovviamente una riduzione dei task che si possono oggettivamente realizzare e degli obiettivi finali… oltre, come dicit tu, una estrema organizzazione. Ho usato la Pomodoro Technique in alcuni casi ma non mi ci trovo completamente. Invece, mi è stato suggerito l’approccio di questo libro che consiglio caldamente.
    http://jake-jorgovan.com/the-focused-creator/
    All’inizio l’ho trovato un po’ ostico ma sta diventando estremamente motivante.

    Risposta
    1. Lauryn (Autore Post)

      Ciao Edo, e grazie! Sono curiosa di andare a leggere 🙂
      Poi ci sono giornate come oggi in cui la piccola richiede coccole nonostante la nonna, ma è un’eccezione, ha il braccino ingessato…<3

      Risposta
      1. Edo

        Arrivo da un weekend dai toni horror-splatter per la mia bimba, quindi non posso che comprendere. 😀 Ma credo che incasellando tutto l’incasellabile si riesca comunque ad essere produttivi. Fammi sapere che ne pensi di quell’ebook!

  2. Lauryn (Autore Post)

    ahahah aiuto 😀
    yes, appena iscritta per scaricarlo, in realtà poi mi sembra sia consultabile da web, confermi?
    grazie!

    Risposta
    1. Edo

      Non so, sai? L’ho sempre guardato da ebook, stampato in realtà… sono affezionato alla cara e vecchia lettura su carta. Vedrai che anche l’autore propone un approccio “materico” alla pianificazione, forse non sempre mantenibile ma interessante!

      Risposta
      1. Lauryn (Autore Post)

        grazie 😉 appena riesco a staccare leggo 🙂

  3. Lauryn (Autore Post)

    trovato il link dove scaricarlo, il mio rincoglionimento genitoriale comincia bene stamattina 😀

    Risposta
  4. Anna

    Dipende… con il primo ci ho provato impazzendo completamente gli altri 2 appena mi è stato possibile sono andati al nido…
    E costato parecchio ma mi ha salvato la vita.. il lavoro… il matrimonio! !
    Comunque ho imparato che fino a tre anni è impossibile lavorare con i bambini a casa per questo le nottate sono ormai una consuetudine!!

    Risposta
    1. Lauryn (Autore Post)

      eheh Anna, che casino eh? 😀 Io non ho voluto mandarla, è la mia prima e nonostante tutto volevo godermela e poi non mi sarei permessa il nido. ora vedremo come funziona con l’asilo a settembre 🙂

      Risposta
  5. Anna

    A settembre sarai una donna nuova…
    goditelo che dura solo tre anni poi inizia la scuola e li son ca..!!
    Io avevo dei brutti ricordi della scuola elementare ora capisco!
    😉

    Risposta
    1. Lauryn (Autore Post)

      come mai dici così? io a scuola andavo volentieri, e anzi all’asilo facevo storie e alla fine mia madre ci ha rinunciato a mandarmici…

      Risposta
  6. Anna

    Intendevo dire che la materna è un paradiso per i bambini… giocano socializzano e iniziano a prepararsi per affrontare la scuola;
    E quando inizia la scuola di colpo sono compiti, impegni, studio e compiti… anche per i genitori!
    Se poi le maestre sono delle rottermeier non ti dico che gioia!!

    Risposta
    1. Lauryn (Autore Post)

      ah capito! in effetti non pensavo al rovescio della medaglia, ci sarà lavoro anche per me 😛
      grazie Anna!

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *