Come colorare una foto in bianco e nero con Photoshop

La pratica della colorizzazione delle foto non è una novità portata dai nuovi software di elaborazione delle immagini, esiste da oltre 175 anni e da sempre ha diviso la critica e il pubblico in convinti sostenitori e accesi detrattori. Già verso la fine dell’800 infatti alcuni fotografi denunciavano come la colorizzazione depredasse la foto della sua vera identità e compromettesse il lavoro dell’artista originale. Ciononostante è un’arte che non è mai scomparsa e anzi, con l’avvento delle nuove tecnologie ha avuto una fortissima rinascita.

In questo semplice tutorial vedremo insieme un sistema semplice ed immediato per ottenere una colorizzazione d’effetto. Per fare questa operazione ci sono in realtà diversi metodi, quello che andrò a spiegarvi comporta l’uso di semplici blocchi di colore adattati in maschere di livello e metodi di fusione. Ho fatto questa scelta perché in questo modo nessuna azione che andremo a compiere sull’immagine sarà distruttiva, anzi se il risultato che otterremo non sarà per noi soddisfacente potremo facilmente tornare sui nostri passi. Partiamo subito!

Per prima cosa prendiamo una foto che ci interessa colorare. Io ho scelto una bella immagine di Marilyn Monroe. Se stiamo lavorando su di un’immagine acquisita via scansione, potrebbe succedere che presenti pieghe o segni lasciati dal tempo. Se così fosse possiamo rimuovere queste imperfezioni (se ci disturbano o se danno visivamente fastidio) utilizzando il pennello healing o il pennello clone. Per semplificare l’aggiunta del colore all’immagine, è consigliato convertire il metodo colore da RGB alla quadricromia CMYK. Infatti, mentre canali RGB rappresentano la luce e la luminosità, i canali CMYK rappresentano invece il pigmento e la quantità di ogni colore che viene applicata all’immagine. Questa piccola modifica consentirà anche di sistemare i toni dell’immagine senza intaccare la luminosità complessiva. Per fare questo, andiamo su Immagine, Metodo e Colore CMYK.

Bene, adesso siamo pronti per colorare la nostra fotografia!

1. Scontornare

Iniziamo scontornando lo sfondo. Grazie a Photoshop esiste una grande varietà di modi in cui è possibile scontornare: la gomma magica, lo scontorno rapido dello strumento bacchetta magica, il lazo magnetico, la penna, fino alla più professionale selezione tramite i canali tonali. Anche i metodi di scontorno più rapidi, come la bacchetta magica, con l’introduzione dell’opzione migliora bordo, sono diventati molto più precisi, per questo motivo in questo tutorial ho scelto di utilizzare il semplice strumento di selezione rapida.

Lo scopo è creare una selezione per ogni elemento che si vuole colorare. In questo tutorial io sono partita scontornando lo sfondo con lo strumento di selezione rapida, utilizzando le opzioni aggiungi o sottrai selezione per perfezionare gli elementi. Per ottimizzare ancora di più la mia selezione apriamo il menù migliora bordo, selezioniamo l’opzione smart radius e inseriamo il valore che ci è più consono, nel mio caso è attorno al 5. Prima di chiudere questo menù inseriamo un valore di 3 nell’indicatore Smooth. Photoshop da inoltre la possibilità di rifinire ancora di più la selezione utilizzando l’opzione Refine Radius Tool lì a fianco. Quando siamo soddisfatti del risultato, clicchiamo ok.

2. Il colore

Ora che abbiamo la selezione dello sfondo, possiamo procedere a colorarlo. Per far ciò andiamo ai piedi del menù livelli, a destra, e cerchiamo l’opzione aggiungi livello di riempimento: ci si aprirà un menù a tendina da cui poter scegliere il riempimento che ci serve. Cerchiamo l’opzione solid color e clicchiamoci sopra. Si aprirà così un menù per la scelta del colore. Tale colore andrà a riempire completamente la selezione che abbiamo fatto in precedenza, ma non spaventiamoci!

Il trucco per ottenere una colorazione realistica è utilizzare il metodo di fusione di ogni livello. Cambiando la fusione del livello di sfondo in overlay (oppure color) avremo un colore molto meno impattante e più amalgamato con il resto dell’immagine, provare per credere!
Se non siamo totalmente soddisfatti del risultato ottenuto cambiando il metodo di fusione, possiamo sistemare il colore lavorando su opacità e riempimento del livello stesso. Come potete notare facendo questa operazione Photoshop crea una maschera di livello che racchiude la selezione che abbiamo fatto in precedenza. Questo vuol dire ci possiamo lavorare sopra come su qualsiasi maschera di livello: con il pennello bianco e nero. Dunque, per sistemare le eventuali imperfezioni utilizziamo lo strumento pennello, selezionabile dal menù strumenti a sinistra oppure anche col tasto B della tastiera: il colore nero sulla maschera di livello servirà a nascondere il colore che abbiamo scelto, riportando quindi l’immagine al bianco e nero originario, il bianco invece lo mostrerà, permettendoci di aggiungere colore nei piccoli particolari che ci sono eventualmente sfuggiti. Un’altra caratteristica molto utile di questa operazione è che, se non siamo pienamente soddisfatti con la tonalità di colore ci basta fare doppio click sul blocchetto di colore che troviamo nel menù livello. Ci si aprirà così di nuovo il menù di selezione colore dove potremo aggiustare la tonalità a piacimento.

Ora dobbiamo ripetere queste due operazioni (scontorno e colorazione tramite maschera di livello) per ogni elemento dell’immagine che si decide di colorare. Perciò più una foto è complessa più la colorazione sarà elaborata. Ci vuole quindi calma, pazienza e precisione ma il risultato finale è molto d’effetto!

 

Rachele Ravanini è Content Producer e Graphic Designer di Stampaprint S.r.l., azienda leader in Italia nel settore della stampa online.
Ha studiato Economia dell’Arte e Storia dell’Arte orientale, ha collaborato con La Biennale di Venezia e diverse gallerie d’arte. Come grafica e designer freelance ha avuto collaborazioni con importanti aziende e associazioni. È una grande lettrice e nutre una grande passione per il cinema, l’arte e la fotografia.

Lasciaci un tuo commento!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: