Snapchat: rivoluzione o moda?

Conosci Snapchat?

Beh se lavori nel digital e se hai aperto almeno una volta negli ultimi 12 mesi Facebook, o un qualsiasi blog che parla di social media, sicuramente hai sentito parlare del social del fantasmino.

In questo post voglio parlarti del perché è stato uno degli argomenti più hot tra i social media manager e perché dovresti ficcarci il naso almeno per provare questa piattaforma e per non rimanere spiazzato se qualche azienda ti chiede di Snapchat!

 

Snapchat non fa per me

Sia chiaro, Snapchat non è un’applicazione “semplice” di primo acchito. Mi ricordo benissimo che la installai nel “lontano” 2014 e dopo pochi minuti il pensiero era solo uno: “ma che è sta roba?”

Ebbene dopo qualche tempo mi sono ricreduto: Snapchat ha rivoluzionato il mondo dei social network portando una ventata di novità ad un settore che stava diventando piatto.

Infatti, in un mondo dove tutto rimane, dove il contenuto è fatto per essere salvato e reso disponibile per sempre, Snapchat arriva e travolge ogni paradigma con una “comunicazione a scadenza”.

Foto e video che durano pochi secondi, pochi attimi per fruire di un contenuto che scompare e non è più disponibile.

Snapchat non è un’applicazione semplice per quelli che hanno più di 20 anni. Contenuti che durano 24h, UX basata su 4 schermate, chat integrata nel social, gamification con i filtri e lenti.

È con queste feature che il team di Snapchat si è assicurato il pubblico più giovane, adolescenti dai 12 ai 20 anni. Questa è una mossa vincente per tutte le startup del mondo social: rendi la tua offerta unica (contenuto effimero) e fai breccia sul pubblico più giovane (generazione Z)

 

Perché essere su Snapchat

La tua azienda si rivolge al pubblico più giovane? I tuoi guadagni arrivano prevalentemente da ragazzi e ragazze della generazione z o i millenials?
La tua azienda ha le capacità, economiche e di risorse umane, per pubblicare nuovi contenuti ogni giorno ed è pronta a mostrare il “dietro le quinte”?

Se hai risposto SÌ ad almeno una di queste domande, comincia fin da ora a usare Snapchat e a provare nuove forme di comunicazione.

Se hai risposto NO a tutte le domande ricorda: la storia si ripete, sempre.

Anche dopo i primi anni dal lancio di Facebook o Instagram o Twitter, in pochi avevano chiaro quale potesse essere il ritorno economico per un’azienda che decidesse di investire, in quelle nuove piattaforma, parte del suo budget. Sembrava semplicemente un gioco perditempo per ragazzini.

Eppure chi ha avuto una visione a medio-lungo termine (si parla di 3-5 anni) e ha investito in tali piattaforme, qualche anno più tardi si è ritrovato avvantaggiato rispetto alla massa, avendo presidiato i social da tempo e conoscendone i linguaggi e le strategie migliori per avere successo in questi luoghi virtuali.

 

snapchat creative

Come avere successo su Snapchat

Ecco qualche consiglio per usare al meglio il social del fantasmino. Questi suggerimenti vanno bene per un profilo personale ma anche per un profilo di brand.

Perché? Perché su Snapchat il contenuto postato ha quasi sempre con una prospettiva “personale”.
Tanto più che, visto anche le limitazioni tecniche della piattaforma, molte grosse aziende danno in mano a una persona lo smartphone con il profilo aziendale in modo tale che il personale sia autonomo di girare per l’azienda e fare snap.

#1 essere persistenti

I contenuti durano massimo 24h, le storie sono divise in segmenti di video max di 10 secondi. Se non pubblichi ogni giorno la tua visibilità crolla e i tuoi follower si dimenticano chi sei.

#2 sii te stesso

Visto che tutto il contenuto su Snapchat è molto “live” non creare storie inventate, non trasmettere ciò che non sei, limitati a documentare la tua giornata o ciò che avviene in azienda.

#3 sii creativo

Snapchat è visual: immagini, video, filtri deformanti, scritte enormi ed emoji poco modesti fanno della comunicazione su Snapchat un continuo esperimento. Prova a fare video senza nessun filtro o video molto modificati. Aggiungi grafiche pesanti sulle tue immagini oppure semplici filtri che modificano i colori. Se devi fotografare oggetti inserisci una descrizione dettagliata oppure senza alcun testo, così da lasciare un alone di mistero.

Sia chiaro: nessuno può darti la formula magica del contenuto giusto per il tuo pubblico. Non ti resta che provare e testare!

#4 no timidezza

Forse l’hai già capito: se sei timido/a e ti vergogni a stare dietro la camera del tuo smartphone, forse Snapchat non fa per te o comunque devi cercare di sforzarti e comunicare in modo spontaneo e senza vergogna 🙂

#5 collabora

Più che mai in un social dove mancano tutti gli strumenti per fare ricerche (ancora per adesso), collaborare con altri account diventa essenziale per aumentare l’esposizione del tuo profilo. Collabora, cita profili amici, fai takeover, cerca degli influencer per un’azione di marketing mirata ad aumentare il valore del tuo brand.

Così puoi aumentare il numero dei propri fan, ma anche presentare un prodotto in modo nuovo o raccontare il backstage di un tuo evento visto da una prospettiva diversa (quella dell’influencer).

 

PROSSIMI STEP

Quale può essere la tua prossima mossa? Ecco i miei consigli:

  • se non l’hai già fatto, scarica Snapchat e crea il tuo profilo, non c’è modo migliore di imparare che sporcarsi le mani sul campo
  • se vuoi approfondire questo social, ho creato un blog dedicato al marketing su Snapchat, troverai molti articoli che ti aiuteranno a scoprire tutti i segreti di questo media
  • nel frattempo… ti sto aspettando su Snapchat: @giavara!
scuola webdesigner ebook consulenze ux
Andrea Giavara. Sono il fondatore di WP Pratico il sito che ti insegna a usare Wordpress per creare il tuo sito di successo. Mi piace tutto ciò che è Digital e amo imparare. Ora sono amministratore a tempo pieno di Growers, una digital agency focalizzata su un unico obiettivo: aiutare le aziende italiane a crescere grazie alle opportunità del digital!

Lasciaci un tuo commento!