Mai come ora è necessario un blog

Il Blog trasmette professionalità, sia che lo facciamo per la nostra azienda che per il nostro Personal Branding e assicura autorevolezza

Sorgente: Mai come ora è necessario un blog

Qualche giorno fa ho trovato questo articolo di Riccardo Scandellari, che dice il suo punto di vista su blog e social: è ancora utile avere un blog o facciamo tutto tramite social?

Non c’è sito senza blog

Oramai è consolidato a mio avviso, che non c’è sito senza un blog, che questo sia più o meno “visibile” in homepage o meno. Questo perché favorisce indubbiamente una migliore indicizzazione e scalata nelle SERP, per via della qualità dei contenuti (“content is king” è oramai un messaggio consolidato) e per la frequenza degli stessi, cosa che Google apprezza. Un sito non aggiornato è un sito morto, come un volantino non distribuito.

Social vs Blogs

L’avvento dei social però ha affiancato la percezione che gli aggiornamenti possano essere più frequenti di quelli di un blog e che possano portare più visite ed interazioni. Questo è vero ma solo in parte, perché Facebook, principale responsabile di ciò, non è un contenitore di notizie, e non è un “diario” facilmente consultabile come lo sarebbe un blog, con filtri di ricerca personalizzati, ma un luogo “chiuso”, una piazza virtuale dove si grida ad alta voce il proprio pensiero che viene condiviso ma poi via, scompare nel nulla negli archivi.

Il blog invece, presupponendo che sia anche ben indicizzato da Google, rimane sempre a disposizione di tutti. Le visite torneranno da sé anche senza far niente, senza condividere di nuovo la notizia.

Facebook non è un motore di ricerca, non è “internet”, ma un social network, con delle sue meccaniche di visibilità, algoritmi che meritano specialisti del settore per essere sfruttati a dovere.

Senza contare che Facebook è a tutti gli effetti un sito che dall’oggi al domani potrebbe scomparire. Il blog invece è nostro e solo nostro, e siamo noi a decidere quando deve scomparire.

Discorso simile dicasi per le piattaforme gratuite di blog come WordPress.com o Blogger.com, che poi in fondo sono anch’esse dei piccoli social network di blogger che poggiano sulla stessa piattaforma, con la differenza che per fortuna possono essere indicizzate da Google.

Unica eccezione, se proprio vogliamo, possono farla i siti delle attività commerciali o della ristorazione, Facebook può essere un buon passaparola, più utile che un sito vero e proprio forse.

E voi che ne dite?

scuola webdesigner ebook consulenze ux
Laura Gargiulo, web designer freelance e blogger. Autrice di "Come diventare web-coso" e "Consigli di webdesign base", moglie dal dicembre 2010 e madre dal dicembre 2012. Portfolio personale: Lauryn.it Parlo anche di viaggi ed expat su: Myplaceintheworld.it e do consigli su come espatriare a Edimburgo sul mio blog Lovin'Edinburgh

6 Comments

  • Franco Viale

    29 dicembre 2015, 12:41

    Vorrei qualche consiglio più tecnico per migliorare la visibilità del mio sito (http://www.vjtdesign.com), ho infatti applicato le tecniche di SEO, ma senza visitatori è molto difficile arrivare e soprattutto rimanere entro le prime 3 pagine di Goole, in particolare avere backlinks è veramente utile, o forse è meglio avere contatti su blog che trattano gli stessi argomenti?

    • Lauryn

      30 dicembre 2015, 11:10

      ciao Franco, i backlinks, se fatti bene sono sicuramente utili. “Purtroppo” o ti affidi ad un SEO esperto, o comunque i risultati sono altalenanti, se ci sono parole chiave spesso monitorate. considera che non sei l’unico a stare all’erta sui posizionamenti e c’è sempre chi cerca di sbalzarti via 😀 in prima pagina ci sono sgomitamenti assurdi!! in bocca al lupo!

  • Paolo

    1 maggio 2016, 18:32

    Un blog è un pò come avere un negozio vero e proprio, per farlo funzionare bisogna sempre curare la propria vetrina per fare in modo che la gente sia invogliata a soffermarsi, guardare e magari acquistare e la vetrina di un blog è fatta di forma e di contenuti, che bisogna curare con costanza e perseveranza.

    • Lauryn

      1 maggio 2016, 20:40

      Vero Paolo!!

  • Enrico Giammarco

    28 marzo 2017, 11:59

    La mia più grande fatica è convincere clienti che hanno iniziato con la pagina Facebook, ad aprirsi anche un sito con un blog.

    • Lauryn

      28 marzo 2017, 12:29

      Vero, Enrico, ma sottolinea che se domani Facebook chiude e decide di togliere le pagine, loro sono fottuti. Il sito web è tuo e solo tuo.

Lasciaci un tuo commento!