Se vuoi diventare un freelance, non ti basterà essere bravo come web designer.
Potresti avere delle difficoltà iniziali per capire qual è la strada corretta da seguire.

Per questo motivo ho voluto condividere quelli che reputo i 3 pilastri per partire con il piede giusto, e non chiudere bottega dopo pochi mesi:

  1. Crea una strategia per entrare in un mercato di nicchia;
  2. Trova nuovi clienti;
  3. Promuoviti on line.

Con questi 3 consigli voglio aiutarti a scegliere un percorso con meno ostacoli da affrontare, per evitare gli stessi errori che ho commesso io prima di te.

L’articolo che stai leggendo ora, è il primo di quattro post di questa mini guida, dedicata alle strategie per partire con il piede giusto, e non chiudere baracca dopo due mesi.

Sei pronto per scoprire il primo suggerimento?

Bene.
Allora spegni il cellulare, chiudi skype e facebook e dedica tre minuti del tuo tempo prezioso, a leggere ciò che ho da dirti.

Crea una strategia per entrare in un mercato di nicchia

Diventare Web designer Freelance
Photo credits: Corbis.

Questo non è solo il mio primo suggerimento ma è anche il più importante.

Ti parlo della mia esperienza sul campo, su come anch’io ho iniziato quasi sei anni fa.
Come molti web designer, ho scelto di mettermi in proprio perché mi ero stancato di lavorare alle dipendenze di un’azienda, per vari motivi che non sto qui a raccontarti.

A quei tempi, questo era il mio dubbio iniziale:

“Ok, ora sono pronto mentalmente per partire da solo, e adesso che faccio?
Mi creo subito un mio blog personale, ci sparo sopra le mie cartucce migliori, e di sicuro dopo tanto lavoro, gavetta e post pubblicati, i risultati prima o poi arriveranno.”

Questa mia idea era giusta, ma solo in parte.

Ho saltato un passaggio fondamentale: la scelta della giusta strategia.

Ho commesso il mio primo errore: sono partito da una mia idea, non offrendo una soluzione ad un problema reale scoperto online rivolgendomi a tutti:

  • blogger,
  • seo,
  • web designer,
  • infomarketer,
  • social media marketer,
  • etc..

Invece di partire a caso come ho fatto io, avrei dovuto creare una strategia che mi avrebbe permesso di capire:

  1. a quale pubblico rivolgermi;
  2. come comunicare con queste persone;
  3. di quali argomenti parlare;
  4. quali servizi su misura a pagamento avrei potuto offrire.

Ora tu starai pensando con la fronte aggrottata:
“eh si, qui si parla di fuffa, marketing, strategia, ma che roba è?
Io ho deciso di mettermi in proprio e devo farmi vedere subito on line, non posso mica aspettare e risolvere i problemi della gente?”

Se la pensi così, (anch’io come te, ero smanioso di lanciarmi nel fantastico mondo dei freelance) ti suggerisco di rallentare, riflettere e aspettare di leggere il prossimo post in cui ti parlerò di:

  • Perché devi usare una strategia prima di tutto il resto?
  • Perchè è meglio non copiare chi ha avuto una buona idea prima di te.
  • Come trovare un problema da risolvere ad una precisa tribù, per emergere dalla concorrenza agguerrita.

Se questo post ti è piaciuto, condividilo ai tuoi colleghi, te ne saranno riconoscenti.

Autore:
Mirko D’Isidoro – Web Designer Freelance.
Ha creato un progetto per i web designer che vogliono mettersi in proprio o che sono alle prime armi.